Dindalon

L’associazione Circuiti Dinamici di Milano, a febbraio 2019, ha indetto un concorso dal tema “Innocenza e meraviglia”. https://www.circuitidinamici.it/2019/02/10/innocenza-e-meraviglia/

Dindalon… “Avanti e indietro sull’ altalena, spingo le braccia, le gambe e la schiena, guardo il mondo che fa su e giù, prima è qua poi non c’è più.” (Filastrocca dell’altalena )

Dindalon… Mi sento leggera come la seta, con il vento tra i capelli, ma anche forte e padrona del mondo per aver spodestato l’adulta che si rifiuta di salire. Posso toccare il cielo con un dito e poi subito giù a strisciar i piedi per  terra. Mi sento gli occhi addosso, ma non importa. Nel giardinetto dei ricordi ci sono io a far da principessa bizzosa! Dindalon…

Sull’ altalena c’è una bimba invisibile, che va su e giù sfidando il mondo e i suoi coetanei. La bimba è frutto di ricordi di un tempo ormai perduto. I fiori rappresentano il giardino dove la bambina si sente principessa per una frazione della sua vita puerile. Le corde di seta sono la leggerezza del momento e le due perle la regalità. L’occhio imponente viene sfidato, infatti  è come se fosse sottomesso dall’ altalena.

“Dindalon” vive ormai a Bassano del Grappa ed è in ottime mani.

Penso che ogni artista, creativo, artigiano, dovendosi distaccare dalla propria opera, sia gratificato dal fatto che potrà un giorno rivederla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.